Novità e normative sui mandati diretti di energia e gas

Superbonus 110%, attenzione alla differenza fra spesa massima e detrazione massima ammissibile

 

Superbonus 110%, attenzione alla differenza fra spesa massima e detrazione massima ammissibile

Un esempio pratico per capire e calcolare quanto potrebbe spettare di detrazione per un cappotto termico e nuovi infissi.

Il Decreto Rilancio, nella sua parte dedicata alla detrazione fiscale del 110%, parla di “spesa massima ammissibile per gli interventi di efficientamento energetico invernale.

Bisogna però stare attenti al fatto che tali massimali sono dichiarati in maniera esplicita solo per i cosiddetti interventi trainanti ­– cappotto termico, centrale termica e soluzioni antisismiche. Per molti interventi trainati, invece, non è direttamente espresso un limite sulla spesa massima possibile: tale limite si deve evincere indirettamente, ricavandolo con una semplice operazione dal limite sulla detrazione massima ammissibile, che in questo caso è appunto del 110%.

Lo ha ricordato ENEA nel corso di un recente webinar.

Come si fa a quindi a convertire il limite sulla detrazione e tradurlo in limite di spesa?

Il concetto chiave è che la detrazione deve rimanere la stessa, e quindi bisogna dividere il limite di detrazione previsto dagli altri bonus vigenti in tema di efficientamento energetico per l’aliquota che si sta godendo, ha indicato Domenico Prisinzano, fra i maggiori esperti in materia di ecobonus e dirigente del dipartimento Unità Efficienza Energetica di ENEA.

“Poiché in questo caso, se si accede al Superbonus, la detrazione ha l’aliquota del 110%, si divide la detrazione massima possibile per il 110% cioè per 1,1” ha detto il dirigente di ENEA.

Per fare un esempio, prendiamo il caso di un proprietario di una villetta che intenda installare un cappotto termico (intervento trainante) del costo di 50.000 euro e contestualmente cambiare gli infissi (intervento trainato) ad un costo di 70.000 euro – il tutto ottenendo un miglioramento di almeno due classi energetiche.

La norma prevede per un intervento di isolamento termico dell’involucro di una unità abitativa unifamiliare (intervento trainante) un tetto di spesa di 50.000 euro. Su questa spesa, che rispetta il massimale espressamente previsto, il proprietario potrà quindi detrarre il 110%, cioè 55.000 euro in cinque anni.

Per gli infissi (intervento trainato), invece, i decreti approvati e prorogati negli ultimi anni (sulla detrazione Ecobonus) prevedono una detrazione massima di 60.000 euro. Per trovare quindi l’ammontare che si potrà effettivamente detrarre per gli infissi col Superbonus, il proprietario dovrà prendere il tetto di 60.000 e dividerlo per 1,1, ottenendo un limite di spesa agevolabile di 54.545,45 euro. Applicando infatti un’aliquota di detrazione del 110% su tale cifra, si raggiungono i 60.000 euro di spesa massima detraibile per gli infissi.

Applicare la detrazione del 110% all’intera cifra spesa di 70.000 euro, farebbe chiaramente superare al proprietario il tetto dei 60.000 euro detraibili.

In questo esempio, su una spesa complessiva di 120.000 euro, il proprietario riuscirebbe quindi a recuperare 109.545,45 euro in cinque anni.

 

Fonte: qualenergia.it




Accedi alle Aree Riservate