Novità e normative sui mandati diretti di energia e gas

160 alberi contro le emissioni di gas e luce per famiglia all'anno

 

160 alberi contro le emissioni di gas e luce per famiglia all'anno

Indagine sull'impatto ambientale senza offerte green

Una famiglia italiana media, che non attiva un’offerta “green” per le forniture di luce e gas, emette ogni anno in atmosfera circa 3.210 kg di anidride carbonica (CO2). Per compensare questo inquinamento ci vorrebbe un bosco di 160 alberi. A studiare l’impatto ambientale dei consumi in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi che si celebra il 21 novembre è Selectra, una piattaforma web che aiuta a mettere a confronto le tariffe e a gestire i contratti di luce, gas e internet. La Giornata nazionale degli alberi è dedicata all'importanza di boschi e foreste, in grado di trattenere la CO2 attraverso la fotosintesi e quindi di immagazzinare carbonio (carbon sink) nella biomassa vegetale e nel suolo. Se i consumi della famiglia tipo vengono compensati con 160 alberi all’anno, quelli di un single o di una coppia – secondo i calcoli di Selectra - richiedono 82 alberi, mentre passando alla famiglia ad alti consumi, da 5 o più membri in una casa indipendente di oltre 150 metri quadrati, il totale di 5.396 kg di CO2 prodotti da luce e gas sono compensabili da 270 alberi. Selectra ricorda che mentre il Mercato Tutelato (che sarà in vigore sino a gennaio 2022) non consente un’opzione verde, il Mercato Libero prevede forniture carbon-free (grazie alle fonti di energia rinnovabili) o la compensazione della CO2 emessa attraverso il finanziamento di progetti ambientali, inclusa la piantumazione di alberi. Analizzando un campione di 200 offerte di luce e gas di 26 fornitori sul Mercato Libero, è emerso che quasi il 90% di quelle per il gas (che è solitamente un combustibile fossile) non sono verdi. La restante percentuale include invece offerte “green” che o assicurano la fornitura di biogas oppure prevedono la compensazione delle emissioni di CO2, attraverso iniziative quali la piantumazione diretta di alberi o l’acquisto di crediti di carbonio certificati. In media, il costo delle offerte “green” del gas a prezzo fisso, spiega Selectra, è uguale a quelle non verdi, ma se si attiva un’offerta che compensa la CO2 con la piantumazione diretta di alberi, addirittura si risparmia un 15% rispetto ad una tariffa “tradizionale”. Si cambia invece prospettiva analizzando le offerte luce proposte sul mercato: secondo Selectra l’82% sono green (percentuale cresciuta di 4 punti percentuali negli ultimi 6 mesi), tra quelle che prevedono una fornitura da fonti rinnovabili inclusa nel prezzo e quelle che la propongono come opzione. Un’altra buona notizia è che sono anche economiche: le offerte green a prezzo fisso costano mediamente il 13% in meno rispetto a quelle non verdi.

 

Fonte:Ansa.it




Accedi alle Aree Riservate