Novità e normative sui mandati diretti di energia e gas

Iea: il Covid ha fermato l’efficienza energetica, essenziale ripartire da lì

 

Iea: il Covid ha fermato l’efficienza energetica, essenziale ripartire da lì

Nel nuovo report Energy Efficiency 2020, l’Agenzia internazionale per l’energia invita a investire di più sul risparmio energetico nei pacchetti stimolo nazionali.

La crisi da Covid-19 sta segnando una battuta d’arresto nel miglioramento dell’efficienza energetica. Per questo è essenziale che i piani per la ripresa siano tarati per promuovere questo ingrediente fondamentale per la decarbonizzazione.

Questo il monito che arriva dal nuovo report della Iea, Energy Efficiency 2020 (allegato in basso).

L’intensità energetica primaria globale, cioè il rapporto tra crescita economica e consumi energetici, quest’anno dovrebbe migliorare di meno dell’1%: il tasso più basso dal 2010, stima l’Agenzia internazionale per l’energia. Un miglioramento ben al di sotto di quello necessario per raggiungere gli obiettivi mondiali su clima, inquinamento e accesso all’energia, si fa notare.

Secondo il rapporto, la crisi economica da pandemia ha portato a un crollo negli investimenti in efficienza che si stima arriverà al – 9% nell’anno. Rallentamenti si segnalano nel mercato dei veicoli efficienti e nel residenziale, mentre in industria e commercio i prezzi energetici più bassi hanno allungato anche del 40% i tempi di rientro per certi interventi.

“Mentre la nostra recente analisi mostra uno slancio incoraggiante per le rinnovabili, sono molto preoccupato dal fatto che i miglioramenti nell’efficienza energetica globale siano ora al ritmo più lento in un decennio “, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia. “Per i governi che sono seriamente intenzionati a promuovere l’efficienza energetica, la cartina di tornasole sarà la quantità di risorse che dedicheranno ad essa nei loro pacchetti di ripresa economica, dove le misure di efficienza possono aiutare a guidare la crescita economica e la creazione di posti di lavoro”.

Secondo l’analisi della Iea, infatti, l’efficienza energetica può contribuire per circa la metà della riduzione delle emissioni di gas serra legate all’energia necessaria nei prossimi due decenni per centrare gli obiettivi di Parigi. Le tendenze a breve termine derivanti dalla crisi del Covid-19 stanno però rallentando i miglioramenti nell’intensità energetica dell’economia globale, il che significa che ogni unità di produzione economica utilizza più energia di quanto farebbe altrimenti. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le industrie ad alta intensità energetica, come la produzione di metalli e la chimica, sembrano essere state colpite dalla crisi in modo meno grave rispetto ad altre parti meno intense dell’economia, spiega il rapporto.

Determinanti saranno i pacchetti di stimolo che i governi stanno introducendo: oltre il 60% dei finanziamenti per misure relative all’efficienza energetica nei pacchetti annunciati fino ad oggi si è concentrato sul settore degli edifici o sull’accelerazione del passaggio ai veicoli elettrici, spiega la Iea.

Molte opportunità rimangono inutilizzate, tuttavia, e c’è uno squilibrio di spesa tra i settori e tra le aree geografiche: ad esempio troppo poco di sta facendo per aumentare la penetrazione di elettrodomestici super efficienti e l’86% della spesa in efficienza annunciata a livello mondiale avverrà in Europa, con il restante 14% suddiviso tra la regione Asia-Pacifico e il Nord America.

“Ciò che abbiamo visto finora è tutt’altro che sufficiente“, sottolinea Birol. “L’efficienza energetica dovrebbe essere in cima alla lista delle cose da fare per i governi che perseguono una ripresa sostenibile: crea lavoro, stimola l’economa, fa risparmiare denaro ai consumatori, modernizza le infrastrutture vitali e riduce le emissioni. Non ci sono scuse per non investire molte più risorse “.

La spesa per misure di stimolo legate all’efficienza annunciate dai governi di tutto il mondo fino ad oggi – stima la Iea – è destinata a generare quasi 2 milioni di posti di lavoro a tempo pieno tra il 2021 e il 2023,, principalmente nell’edilizia e principalmente in Europa. Tuttavia, il piano di ripresa sostenibile dell’Agenzia suggerisce che ulteriori sforzi sull’efficienza energetica potrebbero creare altri 4 milioni di posti di lavoro a livello globale attraverso maggiori investimenti del settore pubblico e privato in edifici, trasporti e industria.

Fonte: Qualenergia.it




Accedi alle Aree Riservate