Novità e normative sui mandati diretti di energia e gas

Gas, perché la domanda è destinata a riprendersi dopo lo shock pandemico

 

Gas, perché la domanda è destinata a riprendersi dopo lo shock pandemico

Quest’anno il mercato e gli analisti si aspettano di vedere cosa riserverà il futuro al gas naturale nella transizione energetica.

 

La domanda di gas nel mondo ha visto il più grande calo mai registrato lo scorso anno a causa degli effetti negativi di COVID-19 che hanno ridotto l’attività economica e ribaltato le precedenti previsioni di crescita del consumo globale di combustibile. Anche se è stato il più grande calo mai registrato, la domanda di gas è comunque diminuita meno della domanda di altri combustibili, in particolare del petrolio. Il calo è stato del 2,5% nel 2020 rispetto al 2019, per la prima significativa battuta d’arresto dei consumi dalla crisi finanziaria del 2008-2009.

LA DOMANDA GAS RECUPERA PIÙ RAPIDAMENTE DEL PETROLIO

Ma a differenza del petrolio, quest’anno il consumo di gas è destinato a recuperare tutte le perdite dal 2020, poiché crescerà del 2,8% e tornerà ai livelli precedenti la pandemia, secondo quanto ha affermato l’Agenzia internazionale dell’energia (Aie) nel suo nuovo outlook previsionale.

IL PETROLIO INSEGUE

In confronto, le ultime stime della stessa agenzia indicavano una domanda globale di petrolio in ripresa di 5,5 milioni di barili al giorno a 96,6 milioni di barili al giorno nel 2021, dopo un crollo senza precedenti di 8,8 milioni di barili al giorno lo scorso anno. Il ritorno della domanda di 100 milioni di barili al giorno che abbiamo visto nel 2019 non avverrà prima del 2022 al più presto.

PERCHÉ LA DOMANDA GAS È STATA PIÙ RESILIENTE DEL PETROLIO

La domanda di gas nel 2020 è stata più resiliente del petrolio grazie al rapido rimbalzo dell’economia cinese nel 2020 dopo lo shock COVID di inizio anno, i bassi prezzi del Gnl in primavera e in estate, hanno incentivato gli acquirenti sensibili ai prezzi a fare scorta e a passare dal carbone al gas in Asia. Tutti questi fattori hanno impedito che la domanda mondiale di combustibile si abbassasse troppo lo scorso anno.

LE AVVERTENZE SULLA RIPRESA

Malgrado le previsioni di recupero del gas per il 2021 l’Aie ha avvertito che le incertezze sui mercati energetici globali continuano ad essere elevate, soprattutto in termini di ritmo della ripresa economica globale, e ciò determinerà il consumo di gas nell’industria, in particolare per le industrie orientate alle esportazioni in Asia.

Un altro avvertimento nelle previsioni della domanda di gas 2021 dell’Aie è che varie regioni si riprenderanno a un ritmo diverso. I mercati emergenti in Asia, Africa, America centrale e meridionale e Medio Oriente dovrebbero rappresentare circa il 70% della crescita della domanda globale di gas quest’anno, mentre la ripresa nei mercati maturi sarà più graduale e alcuni di essi vedranno ancora la domanda inferiore ai livelli del 2019.

CRESCITA DEL COMMERCIO DI GNL PER ACCELERARE NEL MERCATO DEL GAS SEMPRE PIÙ LIQUIDO

La domanda di gas è diminuita a livello globale lo scorso anno, ma il commercio di Gnl è continuato a crescere, anche se a un ritmo più lento rispetto agli anni precedenti. Nel 2021, il gas liquefatto dovrebbe tornare a crescere anche grazie all’utilizzo di accordi a breve termine e spot molto più graditi al mercato.

Nel 2020, il volume di Gnl scambiato con contratti spot e a breve termine ha continuato a crescere dell’8%, ha affermato l’Aie, citando i dati preliminari sulle spedizioni. I contratti Gnl a pronti e a breve termine hanno rappresentato il 37% del commercio globale di gas liquefatti, la quota più alta mai registrata. Pertanto, nonostante un calo complessivo della domanda di gas lo scorso anno, il mercato è diventato più liquido, afferma l’Aie.

Si prevede che il commercio totale di Gnl quest’anno aumenterà del 6%, per raggiungere 375 milioni di tonnellate, rispetto alla crescita dello 0,9% dello scorso anno, ha dichiarato Fauziah Marzuki, capo report 2021 sul Gnl di BNEF.

Nonostante i blocchi diffusi lo scorso anno, le importazioni globali di Gnl sono aumentate a 363 milioni di tonnellate, ha confermato Rystad Energy in un rapporto di questo mese. La domanda di GNL in Asia è aumentata del 4% all’anno nel 2020, principalmente guidata dalla Cina. Secondo Rystad Energy, le importazioni globali di gas liquefatto dovrebbero più che raddoppiare entro il 2040, a 736 milioni di tonnellate, con l’Asia a guidare l’impennata.

“La domanda spot invernale in Asia evapora rapidamente e a marzo-aprile i prezzi a termine scenderanno rapidamente”, ha scritto in un post la scorsa settimana Gavin Thompson, Vicepresidente, Energia – Asia Pacifico di Wood Mackenzie.

“Allo stesso tempo, le aspettative di un aumento dei prezzi del carbone e del carbonio in Europa, anche parzialmente guidate dall’attuale ondata di freddo, forniranno spazio per una maggiore domanda di gas estivo in Europa”, ha detto Thompson.

RIFLETTORI PUNTATI SULLE CREDENZIALI AMBIENTALI DEL GAS NATURALE

Un’ulteriore accelerazione dovrebbe arrivare dall’impatto ambientale del Gnl e di altri progetti gas. Secondo Rystad Energy, la domanda globale di gas aumenterà del 26% fino al 2040, trainata dall’Asia, ma le politiche ambientali in Europa e la crescita delle energie rinnovabili porteranno a un calo della domanda dal 2024 in poi. L’Europa è destinata a perdere 43 miliardi di metri cubi di domanda di gas entro il 2040 rispetto ai livelli del 2020.
Anche la domanda negli Stati Uniti “è a rischio” a causa delle nuove politiche ambientali lanciate dall’amministrazione Biden, ha affermato Rystad Energy.

Quest’anno il mercato e gli analisti si aspettano di vedere cosa riserverà il futuro al gas naturale nella transizione energetica. Dopo anni in cui è stato pubblicizzato come ‘carburante ponte’, il gas è ora sotto esame da parte dei responsabili politici, specialmente in Europa, per le sue emissioni di metano, che sono molto più dannose delle emissioni di anidride carbonica.

“I responsabili politici dovranno fornire chiarezza sui piani di decarbonizzazione, compreso il modo in cui vedono il ruolo del gas naturale, seguendo gli impegni per raggiungere la neutralità climatica”, ha affermato il vicepresidente di Wood Mackenzi e Massimo Di Odoardo, sottolineando che “la decarbonizzazione del gas naturale diventerà una priorità strategica per l’industria del gas”.

 

Fonte: EnergiaOltre.it




Accedi alle Aree Riservate